pix1 60

Restare Umani a Lampedusa

Sono alcune centinaia le persone a Lampedusa che a vario titolo si trovano sul fronte del primo impatto con i migranti: operatori del primo soccorso in mare, operatori del Centro di accoglienza, forze dell’ordine, agenzie umanitarie e volontari. Non è facile "restare umani", quando la sofferenza delle persone che devi aiutare è "troppa" e quando il sistema in cui operi è inadeguato e talvolta perfino disumano. Può accadere che come operatore arrivi a un punto di saturazione, dove per non soccombere psicologicamente sei tentato di indurire la tua corazza, di trattare queste persone con indifferenza, addirittura con durezza.


Ci sono poi tutti gli altri abitanti di Lampedusa, quasi seimila, che assistono impotenti a un fenomeno che dura da più di vent’anni; diversamente dagli operatori e dai volontari, loro gli immigrati li vedono di sfuggita e raramente li possono incontrare; li percepiscono per lo più come un grande handicap per un'isola che vive di turismo, anche se i turisti gli immigrati non li incrociano neppure. Ma la maggior parte della popolazione ritiene che la propaganda dei media rema poderosamente contro il turismo di Lampedusa. Per questo anche tra la gente comune può serpeggiare un sentimento di ordinaria disumanità: "Ma perché non gli impediscono di arrivare fin qui? Basta, non se ne può più!".
La capacità di non stancarsi nell'offrire tutto il rispetto che meritano agli uomini, alle donne, ai bambini raccolti in mare è un bene inestimabile per chi è accolto, ma prima di tutto per chi accoglie.
OBIETTIVO: Accompagnare quanti vivono e operano sulla frontiera a non perdere la forza e il coraggio di "restare umani", attraverso un percorso di crescita personale e comunitaria.

Beneficiari diretti
- Circa 30 persone, operatori e volontari appartenenti alle diverse organizzazioni attive sul fronte della solidarietà nell’isola (dall’accoglienza ai migranti alle situazioni di disagio sociale della popolazione locale), che formeranno un gruppo di animazione delle rispettive organizzazioni (Gruppo Motore).
- I membri delle realtà di appartenenza dei partecipanti al Gruppo Motore, in ambito assistenziale, sanitario, amministrativo, educativo, culturale, sportivo, ludico, ... (circa 400 persone di associazioni, movimenti, gruppi, ong, istituzioni e servizi)

Beneficiari indiretti: i migranti accolti nell’isola.


Il finanziamento che arriverà tramite l’iniziativa STAY HUMAN è destinato a coprire parte delle spese di coordinamento e di segreteria.

Email